Home » Archivi

Articoli con tag: Cave

Primo piano, Territorio & Ambiente »

[24 Giu 2017 | Nessun Commento | ]

 
Chi pensa davvero al lavoro?
“In Val di Cornia il lavoro deve essere una priorità, non solo a parole”. Così il Sindaco di Campiglia motiva la decisione, sua e del PD, di consentire il proseguimento delle escavazioni dalle colline per oltre 6 milioni di metri e di ampliare di 2,8 ettari la cava di Monte Calvi, oltre le scadenze a suo tempo stabilite del 2018 e del 2020 e senza limiti temporali. Una decisione in netto contrasto con i piani urbanistici comunali approvati da decenni e con tutte le recenti dichiarazioni …

Primo piano, Territorio & Ambiente »

[3 Dic 2016 | Nessun Commento | ]

Tutto come previsto. Per sette anni Sindaco e maggioranza PD di Campiglia si sono opposti alle richieste di discutere in Consiglio Comunale sul futuro delle cave. In poche ore, di fronte ad un odioso ricatto occupazionale, hanno acconsentito al prolungamento della concessione della cava di Monte Calvi (in scadenza nel 2018) fino al pieno esaurimento del giacimento, non  solo del microcristallino pregiato, ma di tutto ciò che si scava. Sindaco e giunta presenteranno la proposta al Consiglio Comunale, la maggioranza approverà e addio ai buoni propositi di avviare virtuosi processi …

Primo piano, Territorio & Ambiente »

[18 Nov 2016 | Nessun Commento | ]

Non avevamo dubbi che nella  cava di Monte Calvi si sarebbe giunti al ricatto occupazionale, quello più odioso e in questo caso addirittura preventivo, poiché le concessioni scadono nel 2018, ma la società già manda a casa 10 dipendenti.
Dal 2009 chiediamo, inascoltati, di aprire il confronto sul futuro di un’attività che ha un peso nell’economia della Val di Cornia, ma che nello stesso tempo è oggettivamente in conflitto con altre attività e altri interessi generali del territorio. Tali sono il turismo, la valorizzazione del patrimonio storico culturale, il paesaggio collinare …

Primo piano, Territorio & Ambiente »

[17 Lug 2016 | Nessun Commento | ]

Noi lo abbiamo fatto e la conclusione è che devono smettere di prendere in giro i loro cittadini. Quel progetto si basa su tre assunti chiarissimi: trattare i rifiuti industriali di Piombino (quelli abbandonati nelle sterminate aree del SIN da bonificare), mettere a discarica quelli non riciclabili e usare i materiali recuperati in sostituzione degli inerti di cava, a partire delle opere pubbliche che, per legge, sono obbligate ad usare materiali di recupero. Cosa che fino ad oggi, colpevolmente, non è mai stata fatta, neppure nelle recenti grandi opere portuali …

Primo piano, Servizi Pubblici, Territorio & Ambiente »

[12 Feb 2016 | Nessun Commento | ]

La gestione irresponsabile e inetta delle ultime amministrazioni della Val di Cornia sul tema dei rifiuti ci consegnano un territorio sull’urlo di una crisi drammatica.
Dopo aver permesso che l’ASIU riempisse la discarica con rifiuti speciali senza che vi fosse un atto deliberato in tal senso e dopo aver accollato sulla società l’impianto TAP che finora si è dimostrato un mangiasoldi pubblici, oggi i Sindaci della Val di Cornia chiedono di archiviare tutto passando a Rimateria.
Non si spiega come si è accumulato un debito a otto cifre (sembra 30 milioni di …

Primo piano, Territorio & Ambiente »

[22 Set 2015 | Nessun Commento | ]

Il Sindaco Soffritti dice oggi le cose che abbiamo proposto per lunghi anni e che ha sempre respinto. E’ il caso di ricordare che questa amministrazione e il gruppo dirigente PD hanno sostenuto cose ben diverse da quelle che dicono: permettendo di scavare il doppio dei volumi (da 4.8 milioni MC a 8,5 milioni MC) della cava di Monte Calvi e la condivisione del Piano Provinciale delle Attività estrattive che prevede ancora escavazioni, classifica Campiglia come “distretto regionale per le cave” e crea le condizioni per un prolungamento delle …

Primo piano, Servizi Pubblici, Territorio & Ambiente »

[17 Set 2015 | Nessun Commento | ]

Il Comune dei Cittadini conosce bene i fatti, documentati dagli atti. La decisione di costruire l’impianto TAP risale alla fine degli anni 90. Nel protocollo sottoscritto alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Il 26 aprile 1999 si afferma che . Il 30 ottobre 2002 venne firmato un protocollo d’intesa tra la Regione e i Comuni che, in previsione del possibile impiego di materiali di TAP, stabiliva che per le cave . Le cose sono andate in ben altro modo.
Il progetto dell’impianto ha avuto un iter travagliato e a …

Primo piano, Servizi Pubblici »

[13 Set 2015 | Nessun Commento | ]

La notizia che la società Cave di Campiglia (quella che scava sulla sommità di Monte Calvi) è interessata ad acquistare azioni della società TAP è sicuramente positiva. Manifesta una volontà di riconvertire un’attività estrattiva che in origine era stata autorizzata solo per il fabbisogno di calcare microcristallino dell’industria siderurgica di Piombino, ma che nel corso degli anni, grazie ad altre autorizzazioni comunali, venne trasformata in una cava senza nessun vincolo di mercato. Nel 2002, quando già era prevista la costruzione dell’impianto TAP che avrebbe dovuto ridurre le escavazioni dalle …

Economia & Lavoro, Primo piano, Servizi Pubblici »

[5 Ago 2015 | Nessun Commento | ]

Se queste sono le riforme promesse dal governo Renzi per abbattere la tassazione in Italia, è meglio non farne di niente. Da un lato il governo centrale taglia i trasferimenti ai Comuni e i Comuni aumentano ulteriormente le tasse. Lo hanno fatto imperterriti da quando è iniziata la crisi, incuranti delle crescenti difficoltà delle famiglie e delle imprese, dei giovani senza lavoro, delle aziende che chiudono, di chi il lavoro ce l’aveva e l’ha perso.
Fanno il gioco delle parti: il governo nazionale annuncia riduzioni delle tasse, i Comuni amministrati dallo …

Primo piano, Servizi Pubblici »

[20 Lug 2015 | Nessun Commento | ]

Apprendiamo le dichiarazione del segretario PD Fabiani e del neo presidente ASIU Caramassi. Alcune riflessioni.
Va bene provare ad usare impianti già realizzati e mai entrati in funzione, come Tap.  Va bene provare a recuperare le colline di rifiuti industriali abbandonati da decenni nell’ex stabilimento siderurgico e ridurre conseguentemente l’escavazione di inerti vergini dalle colline di Campiglia. Lo dicevamo da anni nella più totale indifferenza degli stessi amministratori e dirigenti del PD che oggi ne fanno una delle strategie per salvare Asiu dal baratro fallimentare in cui l’hanno condotta.  Naturalmente tacciono  sul …