Home » Archivi

Articoli in: Territorio & Ambiente

Economia & Lavoro, Primo piano, Territorio & Ambiente »

[14 Lug 2017 | Nessun Commento | ]

Ci dicevano che ASIU era un’azienda modello e un valore per i cittadini. Purtroppo non era vero.
I fatti dimostrano esattamente il contrario e ci dicono che i Sindaci che glorificavano ASIU o erano in mala fede o non capivano ciò che stava succedendo nell’azienda pubblica che dovevano controllare. Entrambe sono patologie della pessima amministrazione.
Già nel 2012 ASIU era già in una gravissima crisi finanziaria tale da non riuscire neppure a pagare gli stipendi ai dipendenti. Non lo diciamo noi, ma il liquidatore di ASIU con un comunicato ufficiale di questi …

Economia & Lavoro, Primo piano, Sociale & Cultura, Territorio & Ambiente »

[14 Lug 2017 | Nessun Commento | ]

La condizione sociale di Piombino e della Val di Cornia è davvero preoccupante.
I nostri Comuni sono giunti al nodo drammatico della crisi Lucchini in ordine sparso e senza aver maturato un visione autonoma e unitaria. Il Comune di Piombino, unico interlocutore delle istituzioni regionali e nazionali, altro non ha fatto che assecondare ogni richiesta di Cevital. Il prodotto più eclatante è stata la Variante Aferpi con la quale, nel 2016, ha deciso di consegnare senza condizioni la città ad un unico imprenditore, nonostante avesse già disatteso tutti gli impegni assunti, …

Primo piano, Territorio & Ambiente »

[14 Lug 2017 | Nessun Commento | ]

Le notizie di stampa apparse in questi giorni sulla gestione di ASIU, ora in liquidazione, sono gravissime e richiedono che si faccia piena luce su quanto accaduto tra il 2012 e il 2017.
Com’è possibile che un’azienda pubblica come ASIU nel 2012 abbia potuto contrarre tre mutui con la Banca Popolare di Vicenza per complessivi due milioni e quattrocentomila euro  per opere nella discarica di Ischia di Crociano che poi non realizza nei cinque anni successivi? Dal 2012 i nostri cittadini pagano  ammortamenti di mutui per opere che, si presuppone, dovevano  …

Primo piano, Territorio & Ambiente »

[24 Giu 2017 | Nessun Commento | ]

 
Dov’é la riqualificazione?
Ieri è stato inaugurato il “parco termale” previsto nell’ambito del progetto di riqualificazione della zona termale di Venturina.
Dal giorno della presentazione del progetto siamo stati da subito contrari ad un intervento che abbiamo considerato spropositatamente costoso, perché non realizzava l’obiettivo che si prefiggeva (la riqualificazione) e perché andava ad intervenire in un area boschiva che doveva essere mantenuta. Ma andiamo per ordine.
La riqualificazione non esiste, tutto ciò che rendeva quella zona come degradata oggi è ancora lì al suo posto: c’è ancora il vecchio stabilimento fatiscente (posizionato proprio …

Primo piano, Territorio & Ambiente »

[24 Giu 2017 | Nessun Commento | ]

Acqua depurata buttata in mare e campi abbandonati alla siccità.
Le attività produttive della Val di Cornia sono a rischio. Quest’anno il problema, strutturale e tutt’altro che straordinario, della siccità è così grave da minacciare seriamente le attività agricole e l’intera economia del territorio.
Occorre un impegno straordinario per assicurare questa risorsa fondamentale per qualsiasi attività umana e una seria politica di riduzione degli sprechi e dei consumi che parta dalla gestione ordinaria alla pianificazione del territorio. Nell’immediato è assurdo e inconcepibile che uno degli investimenti più onerosi realizzati nel nostro territorio, …

Primo piano, Territorio & Ambiente »

[24 Giu 2017 | Nessun Commento | ]

 
Chi pensa davvero al lavoro?
“In Val di Cornia il lavoro deve essere una priorità, non solo a parole”. Così il Sindaco di Campiglia motiva la decisione, sua e del PD, di consentire il proseguimento delle escavazioni dalle colline per oltre 6 milioni di metri e di ampliare di 2,8 ettari la cava di Monte Calvi, oltre le scadenze a suo tempo stabilite del 2018 e del 2020 e senza limiti temporali. Una decisione in netto contrasto con i piani urbanistici comunali approvati da decenni e con tutte le recenti dichiarazioni …

Primo piano, Territorio & Ambiente »

[24 Giu 2017 | Nessun Commento | ]

Siccità: servono interventi d’emergenza
Quest’anno l’assenza di precipitazioni è stata inedita e si preannuncia un’estate drammatica per le attività che si basano sulla risorsa idrica: in primo luogo l’agricoltura ma, a ben vedere, tutte.
È in questo contesto che riteniamo allucinante il sostanziale silenzio delle istituzioni e l’assenza di un piano concreto per attenuare gli effetti della siccità incombente. La crisi idrica della Val di Cornia è strutturale. Negli ultimi decenni, nonostante la sempre minor disponibilità di acqua a causa dei cambiamenti climatici, si è scelto di perseguire logiche di trasformazioni del …

Primo piano, Territorio & Ambiente »

[24 Giu 2017 | Nessun Commento | ]

Il disastro della gestione dei rifiuti in Val di Cornia creato dalle amministrazioni locali è allucinante.
Si apre oggi anche un contrasto tra Sei Toscana, gestore dei rifiuti solidi urbani (RSU) per il sud della Toscana e Rimateria, azienda partecipata dai Comuni della Val di Cornia attraverso l’ex gestore Asiu. Il pomo della discordia è la “trasferenza” ed è la dimostrazione lampante di quante diseconomie e incomprensibili passaggi la nuova gestione dei rifiuti comporti per la Val di Cornia.
I rifiuti urbani infatti, fino alla gestione dell’ASIU, finivano nella discarica di Ischia …

Primo piano, Territorio & Ambiente »

[7 Apr 2017 | Nessun Commento | ]

Sul tema rifiuti è bene fare chiarezza affinché vengano attribuite le giuste responsabilità.
E’ responsabilità del comune di Campiglia, insieme agli altri Comuni della Val di Cornia, il fallimento della gestione ASIU che ha portato l’azienda ad avere 20 milioni di buco di bilancio, come è stata una scelta condivisa da questa amministrazione il passaggio all’ATO SUD nonostante fosse la zona con la più bassa percentuale di raccolta differenziata.  Sono i Comuni della Val di Cornia quelli che sostennero che con il passaggio in ATO SUD ci sarebbero stati miglioramento dei …

Primo piano, Territorio & Ambiente »

[3 Dic 2016 | Nessun Commento | ]

Tutto come previsto. Per sette anni Sindaco e maggioranza PD di Campiglia si sono opposti alle richieste di discutere in Consiglio Comunale sul futuro delle cave. In poche ore, di fronte ad un odioso ricatto occupazionale, hanno acconsentito al prolungamento della concessione della cava di Monte Calvi (in scadenza nel 2018) fino al pieno esaurimento del giacimento, non  solo del microcristallino pregiato, ma di tutto ciò che si scava. Sindaco e giunta presenteranno la proposta al Consiglio Comunale, la maggioranza approverà e addio ai buoni propositi di avviare virtuosi processi …